Modifica dell’algoritmo di Facebook: consigli per imprese e Digital Marketer

Modifica dell'algoritmo di Facebook: consigli per imprese e Digital Marketer

Modifica dell’algoritmo di Facebook: consigli per imprese e Digital Marketer

Un falso allarme

In questi giorni, la notizia del cambiamento radicale dell’algoritmo di Facebook sta destando molto scalpore, preoccupando quindi aziende, investitori e Marketer.

In realtà la situazione è meno preoccupante di quanto sembri e soprattutto ha diversi risvolti positivi.

Gli utenti più preoccupati son quelli che di carattere sono poco propensi al cambiamento, categoria destinata a scomparire a breve, come una sorta di selezione naturale Darwiniana.

Quindi evitiamo di entrare in panico per colpa di un mucchio di allarmisti e lavativi che non accettano il cambiamento, anche se positivo.

Per prima cosa ricordiamo che Facebook cambia costantemente e migliora gli algoritmi di ricerca in maniera talmente graduale che spesso neanche ce ne accorgiamo.

Seconda cosa, per chi sa lavorare bene non cambia assolutamente niente, i professionisti del settore e aziende smart possono dormire sonni tranquilli.

 

 

Quindi, in sostanza, chi viene penalizzato?

Soffriranno del cambiamento tutte le aziende “semi social” che credono di poter raggiungere enormi risultati solo in organico e senza l’aiuto di un valido professionista.

Inoltre scompariranno tutti i falsi profeti, chi si spaccia per Social Media Marketer solo perchè sa usare discretamente Facebook, ma soprattutto l’infinita piaga del “mioccuggino”.

Mioccuggino è quello che sa fare tutto, in poco tempo e che non chiede soldi. Impiega un paio d’ore per fare il tuo sito web, 2 minuti per la grafica della locandina e 20 secondi per avviare una campagna social integrata. Poi ha tanti amici, non ha bisogno di creare inserzioni e sponsorizzazioni.

Ricordiamo che gli strumenti digitali son facili da utilizzare solo se presi singolarmente. Il difficile è coniare una strategia di marketing sia tradizionale che digitale, nella quale tutte le risorse sono coadiuvate nella maniera più performante per trarre il massimo utile.

 

 

Cosa possono fare i professionisti?

I professionisti continuano per la loro strada, ovvero continuano a fare i professionisti. Studiano, si aggiornano, sperimentano, analizzano i risultati e coniano una nuova strategia di Digital Marketing.

Le regole son molto semplici, la sezione delle news di Facebook prediligerà contenuti con molte interazioni. Si stima la presenza di un 80% di post dei nostri amici ed un 20% di post organici di pagine aziendali e/o testate giornalistiche.

In sostanza torniamo sempre allo stesso discorso del 1996 di Bill Gates: “Content is King!”

Creare contenuti di qualità permette di avere credibilità, interazioni e di conseguenza priorità. Soprattutto verranno penalizzate tutte le pubblicità invadenti e le fake news di cui siamo, ahimè, fin troppo sommersi.

 

 

Cosa possono fare le aziende?

L’imprenditore moderno va necessariamente guidato da un professionista del settore: Digital Marketer, Social Media Strategist, Web Marketing Manager, ecc.

Inoltre una parte dei ricavi va immancabilmente destinata alla pubblicità sia tradizionale che digitale.

Le aziende hanno sostanzialmente due alternative: assumere un esperto del settore o esternalizzare l’ufficio marketing a Web Agency competenti.

 

 

Web Solutions Internet Company lavora nel Web Marketing dal 1999, ha assistito alla nascita, crescita e cambiamento delle principali piattaforme di Social Network. Studiamo ogni giorno il mercato e cerchiamo di prevederne i prossimi trend social. Il nostro obbiettivo è di ottimizzare siti web, aumentarne la visibilità, implementare efficaci campagne sui social ed aiutare l’imprenditore a raggiungere il successo che merita.

Contattaci per un preventivo gratuito, un nostro consulente sarà a tua disposizione per pianificare una strategia online di successo.

 

Share Button

Lascia un commento