Decodifica gli algoritmi dei principali Social Network!

Decodifica gli algoritmi dei principali Social Network!

Decodifica gli algoritmi dei principali Social Network!

Viviamo in un mondo in cui la ricerca di dati e informazioni è di fondamentale importanza per il modo in cui viviamo le nostre vite quotidiane. Quando cerchi online, scorri i tuoi feed social o ricevi consigli sulle canzoni da Spotify, sei guidato da un algoritmo che comprende le tue abitudini di consumo forse più di te.

Gli algoritmi stanno diventando centrali in tutto ciò che fai. Spesso frainteso e occasionalmente impreciso, ma sempre attivo e sempre in apprendimento.

Il “come” la maggior parte della società accede a notizie e informazioni può essere attribuito direttamente agli algoritmi.

Indipendentemente dalla ricerca su Google o dallo scorrimento di Facebook, le informazioni presentate derivano da un’equazione matematica basata su due fattori:

  1. Qualità algoritmica: lo standard di qualità del contenuto disponibile.
  2. La tua storia pregressa: le azioni e le reazioni che hai intrapreso in blocchi di contenuti specifici nel passato.

Ciò significa che, in base alla progettazione o alla scelta personale, gli algoritmi dei social media ci hanno permesso di creare filtri per vedere i contenuti che vogliamo e rimuovere tutto ciò che non desideriamo.

Questi filtri funzionano perfettamente la maggior parte del tempo. Forniscono rilevanza in un mare di informazioni illimitate e impediscono che i nostri flussi di notizie e scadenze si intasino con contenuti indesiderati. È nelle situazioni che richiedono la comprensione di opinioni e fatti diversi che gli algoritmi dei social media possono causare problemi.

Questi filtri diventano bolle che ci impediscono di vedere contenuti che forse non vogliamo vedere, ma che forse è necessario. Nella migliore delle ipotesi rallentano il processo di comprensione di diverse prospettive e punti di vista, e nel peggiore dei casi causano un conflitto maggiore tra le parti opposte.

Nessuna delle società di social networking rende disponibili al pubblico le loro equazioni algoritmiche.

I social network forniscono, a volte, informazioni sul funzionamento interno dei loro algoritmi e possiamo formulare ipotesi basate su annunci e test aziendali, ma nessuno ha la ricetta completa.

Ciò che viene presentato qui si basa su una combinazione di informazioni divulgate pubblicamente dai social network, ricerche di terze parti, alcune ipotesi di base e un po ‘di buon senso. In secondo luogo, i diagrammi presentati non sono rappresentazioni visive degli algoritmi. Quello sarebbe impossibile. Si tratta più di un processo e di una lista di controllo che è possibile seguire per garantire che i contenuti e i messaggi abbiano la migliore opportunità di ricevere il massimo impatto.

I diagrammi seguenti servono più per risolvere problemi decisionali.

Perché abbiamo bisogno di capire gli algoritmi dei social media?

Una mancanza di comprensione di come funzionano gli algoritmi dei social media è come guidare al buio senza i fari accesi. È possibile e potresti arrivare a destinazione ma è un rischio inutile.

In poche parole, è necessario capirli per i seguenti motivi:

  1. Impatto: per garantire che i tuoi contenuti generino il maggiore impatto possibile
  2. ROI: per garantire che il tempo e gli sforzi dedicati alla pubblicazione su queste piattaforme abbiano il massimo ritorno
  3. Reputazione Online: diventare una fonte affidabile di informazioni a lungo termine per gli algoritmi
  4. Impatto sociale più ampio: i comunicatori devono essere in grado di “combattere il fuoco con il fuoco” per impedire la diffusione di informazioni false online.

Questa guida sugli algoritmi dei social media include i cinque principali social network:

  1. Facebook,
  2. LinkedIn,
  3. Twitter,
  4. Youtube,
  5. Instagram.

Iniziamo con il colosso dei social network e l’algoritmo di cui tutti parlano.

L’algoritmo di Facebook

Precedentemente noto come EdgeRank, il famoso algoritmo di Facebook, ha avuto la sua buona dose di critiche negative negli ultimi anni. Soprattutto per:

  1. Calo della copertura organica
  2. Facilitazione di notizie false e clickbait
  3. Soppressione del contenuto di notizie veritiere

L’accumulo di stampa negativa, più il feedback degli utenti, è il motivo per cui l’azienda ha fatto di recente passi rapidi per sradicare i tipi di contenuto che rendono le persone pazze, arrabbiate o tristi.

In effetti, il recente annuncio di Mark Zuckerberg che illustra come intende aiutare le persone ad avere “interazioni sociali significative” tra di loro, unitamente ad un’ulteriore riduzione della copertura organica, ha un pò preoccupato il business delle comunicazioni.

Ci si chiede se sponsorizzare su Facebook ne valga davvero la pena in questi giorni.

La risposta breve è “probabilmente”, ma richiede un contenuto di qualità superiore e un cambio di approccio. Si tratta di costruire una comunità e non un pubblico.

Cosa sappiamo dell’algoritmo di Facebook?

  1. Darà la priorità ai contenuti che stimolano una conversazione tra amici e famiglia
  2. Darà la priorità ai video live perché riceve più interazioni
  3. Un post viene offerto a una piccola percentuale di utenti per misurare l’engagement iniziale
  4. L’engagement è basato su un sistema a punteggio
  5. I post con commenti di lunga durata avranno un peso superiore
  6. I contenuti “naturali” (come ad esempio le foto delle tue ultime vacanze) hanno la precedenza rispetto ai contenuti con link ad altri siti
  7. Clickbaiting ed il chiedere alle persone di “mettere like, commentare o condividere” i tuoi contenuti, riceverà una penalizzazione.

 

L’algoritmo di LinkedIn

Mentre l’algoritmo di LinkedIn non è stato oggetto di tante controversie come Facebook, ha certamente avuto qualche singhiozzo lungo la strada.

A settembre 2016, LinkedIn è stato accusato di favorire gli uomini alle donne nei risultati di ricerca di candidati. Qualche mese prima, alcuni utenti di LinkedIn si divertivano a cercare e disturbare persone che hanno nomi a doppio senso. Un pò come Bart Simpson. LinkedIn è forse stato uno dei social network più trasparenti riguardo al funzionamento del suo algoritmo. Nel marzo dello scorso anno, il team di dati ha pubblicato un post sul blog intitolato “Strategies for Keeping the LinkedIn Feed Relevant” che includeva un diagramma dell’algoritmo su come combatte lo spam. In questo post viene confermato che LinkedIn utilizza l’intervento umano e il suo algoritmo per determinare la qualità del contenuto. Se un post inizia a ricevere molto engagement, “le persone reali su LinkedIn” lo analizzeranno e decideranno se è abbastanza buono da essere visto da un pubblico più ampio sulla piattaforma.

Consiglio dell’esperto: mantieni la tua rete di LinkedIn coerente con i tipi di contenuti che condividi. Avrà una maggiore possibilità di diffondersi se la maggior parte dei tuoi contatti si trova nello stesso settore e valuta lo stesso tipo di contenuto.

Cosa sappiamo dell’algoritmo di LinkedIn? (con ringraziamenti a Green Umbrella)

  1. I contenuti “naturali” hanno la precedenza sui collegamenti ad altri siti
  2. Mi piace, i commenti e le azioni hanno probabilmente pesi diversi
  3. Un post viene offerto a una piccola percentuale di utenti per misurare il livello di engagement iniziale
  4. Frasi di un solo paragrafo e sulla vita personale (attualmente) fungono da meccanismo virale
  5. I contenuti con alto coinvolgimento saranno analizzati dallo staff di LinkedIn e potenzialmente aperti a un pubblico più ampio (sebbene l’analisi umana possa essere soggettiva)

 

L’algoritmo di Twitter

L’algoritmo di Twitter, o “Algorithmic Timeline”, è stato introdotto nel 2016. Prima di questo, quando hai effettuato l’accesso a Twitter, la tua cronologia era in ordine cronologico inverso con gli ultimi tweet delle persone che segui nella parte superiore della pagina. L’intenzione dell’algoritmo di Twitter è quella di rendere la timeline più coerente, in modo che gli utenti possano ricevere tweet delle persone che seguono maggiormente, che altrimenti perderebbero.

Cosa sappiamo dell’algoritmo di Twitter?

  1. È probabile che i contenuti naturali abbiano la precedenza rispetto ai contenuti con link ad altri siti
  2. I “tweet” delle persone con cui ti relazioni maggiormente verranno mostrati per primi
  3. Un tweet è offerto a una piccola percentuale di utenti per misurare l’engagement iniziale
  4. I “mi piace, le risposte e i retweet” hanno probabilmente un punteggio diverso
  5. Il tempo trascorso a leggere i tweet di qualcuno avrà un impatto sul contenuto che vedi anche se non ti relazioni.

L’algoritmo di YouTube

L’algoritmo di YouTube è stato sviluppato per quelli che contribuiscono maggiormente al sito. Ciò si riflette in alcuni dei fattori di ranking che si basano sulla coerenza di pubblicazione e sul numero di iscritti di un utente.

A meno che tu non sia famoso, superbamente talentuoso in qualche modo o abbia un punto di vista completamente diverso rispetto alla creazione di video di chiunque altro, la creazione di un pubblico consistente su YouTube partirà da zero.

Perché?

Perché la qualità del contenuto è eccezionalmente alta e ogni argomento immaginabile è già stato trattato. Oltre a ciò, richiede una condivisione di circa 2/3 volte a settimana per ottenere la giusta trazione algoritmica.

Ecco perché YouTube SEO è un settore in crescita e molti esperti SEO “tradizionali” come Brian Dean stanno iniziando a concentrarsi e affinare le proprie competenze sulla piattaforma.

Cosa sappiamo sull’algoritmo di YouTube? (Si ringrazia Derral Eves e Matt Gielen)

  1. Il tempo di visualizzazione totale e la fidelizzazione del pubblico sono fattori di ranking importantissimi
  2. La frequenza di caricamento è un importante fattore di ranking
  3. Un video recentemente caricato viene offerto a una piccola percentuale di utenti per misurare il coinvolgimento iniziale
  4. Più iscritti hai, più l’algoritmo posiziona meglio i tuoi video
  5. I video di durata compresa tra 7 e 16 minuti ricevono la migliore fidelizzazione, la maggior parte del coinvolgimento e il miglior rapporto tra visualizzatori e iscrizioni
  6. L’algoritmo di YouTube è basato su un’intelligenza artificiale. Impara, capisce e si espande

 

 

L’algoritmo di Instagram

Instagram ha annunciato a metà 2016 che il suo algoritmo offre agli utenti il ​​tipo di contenuto con cui si relazionano maggiormente. Di conseguenza, se le persone che segui di più pubblicano un’immagine il giorno prima, potrai comunque vedere le immagini nella parte superiore della timeline al prossimo accesso.

Prima di questo algoritmo, un post aveva una vita media di 72 minuti. Ora, invece, può coinvolgere persino alcuni giorni dopo che è stato pubblicato.

L’engagement è il fattore chiave per l’algoritmo di Instagram. Più like, commenti, mi piace, post salvati, risposte a Direct Messages ricevuti da un post, maggiore sarà la ponderazione dell’algoritmo.

Cosa sappiamo sull’algoritmo di Instagram?

  1. Pubblicare regolarmente ti aiuterà a creare un maggior numero di timeline degli utenti
  2. Una comunità affermata e impegnata migliorerà la credibilità di ogni post
  3. Interagisci con i contenuti di altre persone (tramite “Mi piace e commenti”)
  4. Più gli utenti trascorrono tempo sul post, più il post guadagna credibilità algoritmica

 

 

Decodificare gli algoritmi dei social media richiede uno sforzo collettivo

I social network eseguono continuamente gli A/B test e modificano i loro algoritmi per adattarsi a nuove funzionalità, flussi di entrate e fornire più valore agli utenti.

Il recente cambiamento dell’algoritmo di Facebook serve a incoraggiare più “interazioni significative” tra amici e familiari. Secondo Facebook, sta facendo questi cambiamenti perché gli studi dimostrano che le persone si sentano meno felici dopo aver visto passivamente la loro cronologia.

Anche se, secondo il nostro modesto parere, il fine ultimo è quello di far aumentare alle aziende il budget destinato alle sponsorizzazioni. Abbiamo trattato questo argomento nel seguente articolo.

Anche se non capiremo mai completamente il funzionamento interno di ciascun social media, possiamo comunque decodificarne gli algoritmi pezzo per pezzo, attraverso le nostre esperienze e condividendo gli insegnamenti l’uno con l’altro.

Usando informazioni, ipotesi di base, un pò di buonsenso, test continui e condivisione di dati, questi blocchi mistici di equazioni matematiche possono essere spezzati.

Proprio come l’industria SEO è nata dal desiderio collettivo di rompere gli algoritmi dei motori di ricerca, anche noi possiamo lavorare insieme per dare un senso alle loro potenti controparti dei social media che stanno modellando la società e la cultura.

Ciò significa testare continuamente i contenuti per scoprire cosa funziona, cosa no e, in entrambi i casi, il perché.

Questo richiede velocità e agilità, trattandosi ovviamente di comunicazioni sui social media.

Richiede inoltre una condivisione collettiva di conoscenza ed esperienza.

E forse richiede una condivisione collettiva del peso per fare pressione sulle società di social networking per fornire maggiori informazioni sul funzionamento interno di questi misteriosi algoritmi che stanno avendo una maggiore influenza su come viviamo tutti.

Fonte Ste Davies

Share Button

Lascia un commento